Magicamente me,  Meditazione e sciamanesimo

Meditazione sul respiro: consapevolezza del qui e ora

Oggi voglio suggerirti alcune delle tecniche di meditazione sul respiro che ho imparato e che possono essere usate non solo durante una lezione di yoga ma quando senti la necessità di calmarti e centrati.  

Respirare e camminare sono due delle cose che fai in pratica senza rendertene conto (anche perché una di queste è fondamentale per la tua stessa sopravvivenza).

Quest’automatismo può sembrare una cosa molto positiva: ci permette di fare tante cose contemporaneamente, risparmiare tempo e… rischiare un bell’esaurimento nervoso. Non è fantastico? Era una domanda retorica.

Respira a fondo. Lo hai fatto alzando le spalle non è vero?

Immaginavo. Questo tipo di respirazione si chiama “clavicolare” ed è quella più superficiale, poiché ti fa immagazzinare meno aria nei polmoni (quindi meno ossigeno al cervello).  Ora osservati per qualche secondo: concentra la tua attenzione su viso e spalle. Sono abbastanza sicura che starai trattenendo il respiro, con le guance contratte e le spalle alzate.

Rilassati. E’ una cosa più comune di quanto immagini, per questo voglio condividere con te la meditazione sul respiro: una piccola magia da praticare ogni giorno.

Respirazione profonda

meditazione sul respiro

Rilassarsi e centrarsi sono le basi fondamentali per la visualizzazione, per la meditazione e per la maggior parte dei lavori magici.

Sapersi concentrare su quello che stiamo facendo e placare i pensieri inopportuni non è così facile come sembra.
Prima ti ho dimostrato che poni pochissima attenzione al tuo respiro (e al tuo corpo in generale). 

La meditazione sul respiro più semplice che voglio condividere con te può essere eseguita in qualsiasi momento, ti basta davvero pochissimo.

L’importante è dedicarle la massima attenzione, ma è per questo che stai leggendo l’articolo giusto?

Mettiti in una posizione comoda: seduto sulla sedia, o a terra con le gambe incrociate. Ti sconsiglio di eseguire questo esercizio (e tutti gli altri di questa lista) sdraiato sul letto, perché rischi di addormentarti!

Bene, chiudi dolcemente gli occhi e poggia entrambe le mani sull’addome. Respira normalmente, senza cercare di controllare il flusso dell’aria, rimani solo a osservarlo.  Quanto dura un ciclo d’inspirazione ed espirazione completo? Alzi le spalle? Respiri col naso o con la bocca .

Ora che hai trovato il tuo ritmo, prova a espirare TUTTA l’aria fuori.

Fai attenzione a non provare a inspirarne di più, di questo ce ne occuperemo tra un po’. Per ora limitati a buttare fuori tutta l’aria che hai, senza spezzare troppo il ciclo della respirazione.

Il quadrato magico

Se stai pensando come possano essere collegati una tabella matematica ( un rompicapo) e la meditazione sul respiro, ti dico subito che, in effetti, non lo sono!

Ho chiamato così questa tecnica perché devi immaginare di percorrere un quadrato mentre respiri.

Già ti vedo con gli occhi sgranati. E’ meno complesso di quanto sembri.

Mettiti nella posizione usata per l’esercizio precedente ma questa volta, poggia i dorsi delle mani sulle ginocchia.

Chiudi gli occhi e immagina un quadrato. Inspira contando fino a 4 immaginando di “risalire” lungo il lato sinistro. Ora trattieni il fiato per altri 4 secondi mentre ti muovi lungo il lato superiore.  Espira mentre scendi e trattieni il respiro per altri 4 secondi per il lato inferiore.

Questa meditazione sul respiro t’insegna a concentrarti su qualcosa di concreto, limitando pensieri invasivi (o almeno sarebbe questo il suo scopo).

Meditazione sul respiro a narici alternate

Lo yoga e il controllo del respiro sono un binomio fondamentale.
Oltre alle posizioni più o meno comode, una delle cose fondamentali da imparare ( spesso da re imparare da capo!!) è appunto la respirazione.

Ci sono diversi tipi di yoga, che si differenziano tra loro per la velocità di esecuzione delle posizioni, la fluidità e le finalità; la respirazione alternata è presente in moltissimi tipi, serve soprattutto per calmare la mente.

È spesso usata anche per controllare gli attacchi di panico e d’ansia, perciò trovo questa tecnica di meditazione sul respiro un vero toccasana!

Fare yoga tutti i giorni da moltissimi benefici ma ci possono essere alcuni ostacoli che impediscono di renderla un’abitudine. Io te ne racconto 5-> https://bit.ly/2HCgXzx

Siediti sempre nella posizione degli esercizi precedenti.
Piega indice e medio, portando il pollice a chiudere la narice destra.
Ispira da sinistra, poi metti la mancina nella medesima posizione della destra (quindi con le dita piegate) e con il pollice chiudi la narice. Espira da destra. Continua con la respirazione alternata per almeno 10 cicli tra ispirazione ed espirazione.

Questa tecnica di meditazione sul respiro è forse la più complessa tra quelle che ti ho proposto, ma è anche quella che dai maggiori benefici. Oltre a costringerti a fare attenzione al respiro, devi anche controllare le tue mani.

Non preoccuparti se inizialmente ti confondi: è normale!

Se non hai mai fatto veramente attenzione al tuo respiro, può sembrare un’operazione macchinosa e complicata. Eppure è un qualcosa che fai tutti i giorni. Respirare intendo.

Concentrarsi su di una sola cosa alla volta invece è l’esatto opposto di ciò che hanno cercato di insegnarci negli ultimi 10 anni!

Anche tu credi che il multitasking sia sopravvalutato? Se vuoi approfondire l’argomento, fammelo sapere nei commenti.

Quanti respiri oggi! Un corpo e un cervello ben ossigenati lavorano molto meglio, ti rendono attivo, concentrato e notevolmente più produttivo!

Conoscevi questi tipi di meditazione sul respiro? Quale tecnica ti affascina di più? Fammelo sapere in un commento e continua a seguirmi su Facebook.

Mi sono laureata in psicologia con l'intento di aiutare le persone a scoprire il loro massimo potenziale e fare pace con il passato.  Sono una strega dianica, appassionata di fitoterapia, cristallo-terapia e fiori di Bach. Uso questi strumenti per aiutare chi mi sta intorno a raggiungere la propria Leggenda Personale . Amo tutto ciò che è legato alla psicologia, allo sviluppo personale e alla spiritualità . E i gatti. E il Lettering. E la F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *