tornare a casa
30 anni e,  Magicamente me

Tornare a casa : ritrovare le radici profonde del proprio essere

Che cosa vuol dire per te tornare a casa? Hai mai riflettuto su questo concetto? Non parlo del mero edificio da cui forse stai leggendo quest’articolo, oppure della stanza che spesso senti come troppo stretta.
Un concetto più antico, più intimo

Io ci penso molto spesso e non solo per la mia voglia di essere indipendente ma anche per capire cosa voglia dire sul serio. Ho riflettuto molto prima di parlare di quest’argomento, lo trovo molto personale ma credo che sia il momento adatto per condividere con te anche questa piccola parte del mio mondo. 

Voglio spiegarti cosa significa per me tornare a casa e suggerirti cinque modi per trovare il tuo “spazio magico”.

Le radici profonde del nostro essere

tornare a casa
tornare a casa per me è quella sensazione di benessere, tranquillità, trovare il nostro posto nel mondo.

Non amo molto l’inverno, come avrai sicuramente capito. Fa troppo freddo anche solo per pensare di fare qualsiasi cosa e poi sono anche un po’ meteoropatica.

Anche tu lo sei? Per questo siamo amici!

Nonostante le energie siano un po’limitate, sto cercando di sistemare alcune cose che “iniziano a starmi strette”(e non parlo dei vestiti).

Questo blog ad esempio: era nato in buona fede, volevo fare vedere alla gente chi sono e in cosa credo.

Ma mi sono accorta che stavo facendo alcune cose solo per dovere, necessità o promesse e la situazione mi stava sfuggendo di mano. Quindi mi sono fermata e ho deciso dimettere un po’ di ordine. Sia fisicamente che a livello mentale, per capire se mi sentissi davvero a casa .

Il concetto di tornare a casa per me è quella sensazione di benessere, tranquillità, trovare il nostro posto nel mondo. Dare un significato alla propria vita.

Stai tranquillo, non voglio farti una lezione di filosofia (che era, in effetti, una delle mie materie preferite al liceo!)ma discutere con te di questo concetto che per me è così importante. Ho letto diversi libri dove si fa riferimento all’idea di tornare a casa, come la ricerca delle proprie radici profonde. Del vero Se.

Quell’attività che potremmo fare anche dopo aver lavorato otto ore senza però sentirci stanchi.

Perché ti sei alzato oggi?

tornare a casa

Cos’è che ti da l’energia giusta per alzarti dal letto la mattina?

I soldi sono una buona risposta, ma non è quella che stiamo cercando (sappi che io sono comunque d’accordo con te!).

Devi trovare QUELLA COSA (eh no, so cosa stai pensando, ma questo è un blog rispettabile!!), che serva a farti ricaricare le batterie quando sei stanco, ti senti perso e non sai cosa fare

Io per esempio ho notato che quando ho bisogno di fare un po’ di chiarezza, riordino la mia stanza: questo gesto meccanico mi aiuta a svuotare la mente e ad analizzare meglio le cose.

Se vuoi sapere quali altre abitudini possono migliorare la tua giornata, ne parlo in questo articolo –> https://bit.ly/2Dyc3S8

Ovviamente questo non è il mio modo per tornare a casa!

Torniamo quindi alla nostra domanda.

Quand’è che senti di essere tornato a casa? Possono essere un luogo, un’attività, qualsiasi cosa. In questi ultimi cinque anni ho cambiato spesso idea su cosa fosse per me: scrivere, leggere un libro senza essere disturbata, stare in riva al mare, scattare foto.

 Tornare a casa è un concetto molto personale e come vedi può anche cambiare nel corso del tempo. L’importante è capire cos’è per te.

Vuoi che ti dia qualche suggerimento?

Cinque cose per  trovare il modo di tornare a casa

1 – Leggi e rimani aggiornato sull’attualità

Magari ancora non sai che l’attività che ti permetterà di tornare a casa, è fare la pole dance, il burlesque (o il teatro in generale) o perché no, scrivere un blog. Conoscere le nuove tendenze, le notizie più popolari e le innovazioni tecnologiche ti permetteranno di scoprire ogni giorno nuove cose e sono sicura che troverai quella giusta per te.

2 – Non trascurare le faccende domestiche!

Fare un’attività meccanica (nel mio caso rifare il letto, maanche lavare i piatti o spolverare) non è sempre e solo qualcosa di noioso,faticoso

“eh no sta volta toccava a te”! Io l’ho fatto nel 2010!”.

Può anche avere una sua utilità a livello mentale. Concentrati troppo sulla tua ricerca del metodo migliore per tornare a casa, rischia di rendere il tutto ansiogeno invece che positivo.

Stacca. Pensa ad altro, non stai abbandonando ma solo ritrovando la giusta concentrazione. E poi lasciare i piatti nel lavandino non è mai una buona idea. Hai steso i panni?

3- Fai una lista delle cose che ti piacciono

Lo so cosa stai pensando, questa storia delle liste mi sta sfuggendo di mano.

Te lo suggerisco sempre, ma mettere i propri pensieri su carta è davvero utile. Se stai cercando qualcosa che ti faccia tornare a casa,devi sapere cosa esattamente stai cercando, giusto? Elenca tutte le attività che ti piacciono, non è importante che siano in ordine.

Non all’inizio. Scrivine almeno 6 e successivamente mettile in ordine di preferenza ( e magari anche in base alla loro fattibilità!). 

4 – Dedica il tempo a ogni attività

Stanno per arrivare le vacanze natalizie, quindi si spera che avrai molto tempo libero. Guarda la lista che hai compilato e pianifica quando svolgere tutte le attività.

Non devi fare tutte in un giorno. Tornare a casa è una faccenda che richiede tempo.
Sappi che ti verrà più facile di quanto sembra, soprattutto se riguarderai la lista a distanza di qualche giorno da quando l’hai scritta.

5 – Non avere paura di “fare”

tornare a casa
Crea qualcosa che lasci una traccia di te, che ricordi chi sei, che ti faccia tornare a casa 

Mettiti alla prova, sperimenta, impara cose nuove.

Lo so che lavori, hai mille impegni (e ti lamenti di non avere mai tempo) ma hai anche deciso di intraprendere questo nuovo percorso alla scoperta del tuo vero Se. Tornare a casa.

Se hai già capito cosa ti fa stare bene, ti da la carica giusta per uscire fuori dal letto anche alle 7 del mattino ( o non crollarci sopra già alle 21), non avere paura di farla.  “E se poi mi prendono in giro?”
La gente criticherà comunque.
Anche quelli che ti vogliono bene potrebbero suggerirti come secondo loro dovresti vivere la tua vita.

La vita è tua. Fai ciò che senti sia giusto per te stess*.
All’inizio sarà strano, te lo dico subito. Se non hai mai fatto ciò che ti fa davvero sentire di tornare a casa, potresti essere un po’ in soggezione.

E’ normale. Crea una routine dove inserire questa attività e ripetila per almeno una settimana, starai molto meglio

Sono sicura di avere trascurato qualcosa, ma come avrai certamente capito, quando parlo di tornare a casa mi riferisco a una ricerca personale, un concetto molto grande per essere sintetizzato in poche righe.
Per te invece cos’è? Ci avevi mai pensato prima?

Parliamone nei commenti

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici e ricorda di continuare seguirmi su Facebook

Mi sono laureata in psicologia con l'intento di aiutare le persone a scoprire il loro massimo potenziale e fare pace con il passato.  Sono una strega dianica, appassionata di fitoterapia, cristalloterapia e fiori di bach. Uso questi strumenti per aiutare chi mi sta intorno a raggiungere un equilibrio tra mente, corpo e spirito Amo tutto ciò che è legato alla psicologia, allo sviluppo personale e alla spiritualità E i gatti. E il Lettering. E la F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *